Home » Archivio Film » FESTIVAL DEL CINEMA RUSSO - DI PADRI IN FIGLI.

FESTIVAL DEL CINEMA RUSSO - DI PADRI IN FIGLI.

FESTIVAL DEL CINEMA RUSSO - DI PADRI IN FIGLI. - Cinema Farnese Persol

SINOSSI E SCHEDE TECNICHE DEI 6 FILM IN PROGRAMMA AL CINEMA FARNESE PERSOL dal 1 al 3 DICEMBRE. Consulta il programma con gli orari qui








Ballata di un soldato (Ballada o soldate)

Genere: drammatico
Regia: Grigorij Čuchraj
Sceneggiatura: Valentin Ežov, Grigorij Čuchraj
Fotografia: Vladimir Nikolaev
Musica: Michail Ziv
Scenografia: Boris Nemecek
Cast: Vladimir Ivažov, Žanna Prochorenko, Antonina Maksimova, Nikolaj Krjučkov, Evgenij Ubranskij, El’za Leždej, Marina Kremneva, Valentina Telegina
Durata: 89 min.
Russia, 1959

Film ambientato durante la guerra. Al giovane soldato Aleša Skortsov, distintosi per un’azione eroica durante l’ultimo combattimento, viene concesso un permesso di due giorni per andare a trovare la madre. Lungo il cammino verso il suo villaggio natio offre il suo aiuto alle molte persone che incontra: aiuta un invalido senza dimora ad incontrare la moglie e una ragazza, Šura, a raggiungere sua zia, persino l’ultimo giorno di permesso Aleša lo passa non nella sua casa ma salvando un gruppo di bambini dai bombardamenti. Il suo altruismo non gli permette di avere tempo per se stesso. Non riesce a dichiarare il proprio amore per Šura, ed anche la madre non riesce che a vederla per un attimo e donarle un abbraccio, l’ultimo. Tornato al fronte Aleša Skvortsov trova la morte.

 

Un autista per Vera (Voditel’ dlja Very)

Genere: Drammatico
Regia: Pavel Čhuchraj
Sceneggiatura: Pavel Čhuchraj
Fotografia: Igor Klebanov, Vladimir Klimov
Musica: : Eduard Artemiev
Cast: Igor Petrenko, Alena Babenko, Bogdan Stupka, Andrei Panin, Ekaterina Udina, Marina Golub, Pavel Vaščilin, Aleksej Zelenskij, Oleg Lopukhov, Alisa Grebenščikova, Natalja Gudkova, Sergej Laktunkin
Produttori: Igor Tolstunov, Aleksandr Rodnianskij, Michail Zilberman, Vitalij Košman, Ljudmila Zacharova
Produzione: “Primo canale”, “Società di produzione di Igor Tolstunov”, Canale “Studio 1+1”
Durata: 112 min
Russia, 2004

Nella casa di vacanza in Crimea di un generale prende lavoro un nuovo autista. Viktor è destinato a cambiare i destini di tutti gli abitanti di questa grande casa. La cameriera Lida cerca di conquistarlo. La figlia del generale, Vera, dapprima lo tratta con arroganza e poi si innamora perdutamente di lui. L’aiutante del generale trama alle spalle e coinvolge in questo gioco un novellino. Ma l’amore tra Vera e Viktor, la sua brillante carriera, le vite di molte persone diventano moneta di scambio in gioco più grande di loro...

 

Gioco russo (Russkaja igra)

Regia: Pavel Čhuchraj
Sceneggiatura: Pavel Čhuchraj
Fotografia: Vladimir Klimov, Andrei Želagov
Musica: Jurij Poteenko
Cast: Sergej Makovetskij, Sergej Garmaš, Andrej Merzlichin, Dmitrij Vysotskij, Giuliano Di Capua, Ignat Akračkov
Produttori: Irina Baskakova, Sergej Šumakov, Dmitrij Korž
Durata: 100 min.
Russia, 2007

Basato sulla pièce teatrale di Gogol "I giocatori". Un abilissimo baro di carte, l’italiano Luchino Forza, viene scovato dai suoi creditori e obbligato a sottoscrivere un’ipoteca su tutti i suoi averi. Se entro un determinato periodo di tempo non sarà in grado di raccogliere la somma per coprire l’enorme debito accumulato, in Italia lo attende la prigione. Il protagonista decide di raggiungere la Russia, Paese natale della moglie morta, nella speranza di vincere al gioco questa somma, pagare i debiti e salvare così se stesso e i propri beni. Una settimana è il tempo a sua disposizione. Quando il caso lo fa incontrare con un gruppo di bari russi (Shvokhnev, Krugel’ e Uteshitel’nyj), Luchino ha già al suo attivo un gruzzolo di 80 mila lire, vinto grazie ad un mazzo di carte truccate. La somma però non è sufficiente. I giocatori si riconoscono come dei “professionisti” e si accordano per lavorare insieme.

 

La vita è bella (Žizn’ prekrasna)

Genere: drammatico
Regia: Grigorij Čhuchraj
Sceneggiatura: Grigorij Čhuchraj, Augusto Caminito
Fotografia: Luigi Kuveiller
Musiche: Armando Trovajoli
Cast: Giancarlo Giannini, Ornella Muti, Otar Koberidze, Regimantas Adomajtis, Juozak Burdajtis, Evgenij Lebedev, Stefano Madia, Enzo Fiermonte, Stanislav Čekan, Feliks Javorskij
Produzione: Studio “Mosfilm”, La 4 Cavalli Cinematografica
Durata: 101 min.
Urss/Italia, 1980

L’azione del film si svolge in un paese senza nome dove vige un regime dittatoriale. Il ruolo di un ex aviatore ed ora tassista, Antonio, è interpretato da Giancarlo Giannini, che dà vita a una figura di un uomo desideroso di stare alla larga dai conflitti. La vita impone al protagonista di operare una scelta. Il film si distingue per l’elevato livello interpretativo degli attori, che hanno smussato un certo schematismo dei personaggi rendendoli il più possibile aderenti alla realtà. Nel film di Grigorij Čhuchraj si evidenziano nette due linee: la prima parte del film è realizzata in una chiave drammatica tipica del cinema politico italiano degli anno ’70, la seconda, con l’evasione di Antonio dalla fortezza, è girata secondo gli stilemi del cinema d’avventura.

 

Leggenda N. 17 (Legenda N. 17)

Genere: Drammatico
Regia: Nikolaj Lebedev
Sceneggiatura: Nikolaj Kulikov , Michail Mestetskij, Nikolaj Lebedev
Fotografia: Irek Hartovich
Musica: Eduard Artemev
Scenografia: Viktor Petrov
Produttori: Leonid Vereshchagin, Anton Zlatopolskij, Nikita Mikhalkov, Mel Borz, Svetlana Migunova-Dali, Alexander Kharlamov
Produzione: Studio " TRITE "
Cast: Danila Kozlovskij, Oleg Menshikov, Roman Madjanov, Svetlana Ivanova, Alejandra Grepi, Boris Shcherbakov
Durata: 134 min.
Russia, 2013

Film campione di incassi in Russia. È il 2 settembre 1972 . A Montreal la nazionale di hockey su ghiaccio dell'Urss, sbaraglia con lo schiacciante punteggio di 7-3 la nazionale canadese. Fu una partita che cambiò il concetto di hockey nel mondo. Tutti adesso lo conosceva semplicemente come numero “17” . Valerij Kharlamov, che in quella storica partita aveva segnato 2 punti, raggiunse all’improvviso le vette della celebrità. Il suo sogno si era avverato: perseveranza, talento atletico e i duri allenamenti del grande allenatore Anatolij Tarasov avevano fatte del “numero 17” la leggenda mondiale dell’hockey.

 

Il prof di geografia si è bevuto il mappamondo (Geograf globus propil)

Genere: drammatico
Regia: Aleksandr Veledinskij
Sceneggiatura: Aleksandr Veledinskij, Rauf Kubaev, Valerij Todorovskij
Fotografia: Vladimir Bašta
Scenografia: Vladimir Gudilin, Sergej Gudilin, Ljudmila Gaintseva
Musiche: Aleksej Zubarev
Cast: Konstantin Chabenskij, Elena Ljadova, Aleksandr Robak, Evgenija Brik, Anna Ukolova, Evgenija Kregžde, Agrippina Steklova, Maksi Lagaškin, Anfisa Černych, Andrei Pratkov
Produttori: Vadim Gorjainov, Leonid Lebedev, Valerij Todorovskij
Durata: 120 min.
Russia, 2013

Il giovane biologo Viktor Služkin lavora, solo per necessità, come insegnante di geografia in una scuola media di Perm. Lotta e poi fa amicizia con gli studenti, entra in conflitto con il direttore, accompagna i suoi allievi in gita sul fiume. Esce a bere con gli amici, cerca di andare avanti con la moglie e accompagna all’asilo la sua bambina. Semplicemente vive… Film vincitore del XXIV (2013) Festival “Kinotavr” di Soci.